Laboratori Sabatèl

Blog


Notizia 06/01/2021

La 'cascata dei grassi' nelle emulsioni cosmetiche


Un termine che spesso ricorre tra gli addetti ai lavori nel mondo cosmetico (ma anche tra i semplici appassionati) è quello della 'cascata dei grassi'.





Per 'cascata dei grassi' si intende l'insieme delle sostanze lipidiche (oli, trigliceridi, burri cere...ecc..) che vengono inseriti nella fase grassa di una emulsione cosmetica.

Il termine cascata deriva proprio dalla similitudine che c'è tra una cascata in natura e l'approccio formulativo nella creazione di una fase grassa cosmetica.
Vale a dire: i grassi si inseriscono 'a cascata' partendo da quelli a più basso peso molecolare (eteri, esteri) fino a quelli a maggior peso molecolare (cere, tocoferolo...)

La nozione di massima che spesso aleggia come voce di corridoio è quella secondo cui per avere una buona cascata dei grassi bisognerebbe inserire uno o due tipi di lipidi per categoria di appartenenza; ovvero uno o due oli leggerissimi, altrettanto per i leggeri, per i medi, per i pesanti e pesantissimi.

Tuttavia ciò non è sempre vero e non è garanzia di successo, dove per successo si intende una crema riuscita sia in termini di efficacia che di texture.

L'abilità del formulatore sta difatti nel capire di volta in volta cosa ci si aspetta dal prodotto che sta realizzando; di conseguenza prediligerà ora una uguale distribuzione di grassi come sopra illustrato, o in altre occasioni un picco di medi, o di leggerissimi o una curva spostata sui lipidi pesanti.

Fattori reologici e polimeri siliconici influiranno moltissimo sulla texture finale del prodotto e vanno presi in considerazione in fase di lavoro.

Come vedete realizzare un prodotto cosmetico al top non è proprio cosa facile o il cui processo si possa ridurre a una serie di passaggi del tipo 'fai così e la crema esce...'

La preparazione, l'esperienza e la pratica come per altri campi, anche nel'ambito della formulazione cosmetica risultano essere i migliori compagni di viaggio.

Dr. Luigi




Notizia 05/01/2021

Che differenza c'è tra una crema giorno e una crema notte?


Argomento sempre vivo nel mondo dello skincare è quello legato alla differenza tra cosidette creme giorno e creme notte.
Esiste forse qualche recondito metabolismo che la nostra pelle compie a secondo dell'ora della giornata, delle fasi solari e lunari?
Niente di tutto ciò: la risposta è molto più semplice di quello che può sembrare.







Clicca QUI per continuare a leggere l’articolo...




Notizia 02/10/2020

SCUOLA COSMETICA / Come si formula un TONICO


#tonico #skincare #laboratorisabatel #fitocosmesi

Una delle formulazioni più semplici all'interno del vastissimo mondo della cosmesi è quella degli IDROLATI, vale a dire quelle formulazioni che non prevedono la formazione di un'emulsione ma dove la fase unica e preponderante è l'acqua.





Il Tonico (ma anche le acque micellari o i nebulizzati post-rasatura ecc...) sono fondamentalmente delle soluzioni monofasiche a base acquosa alla quale si aggiungono nell'ordine una serie di ingredienti volti a svolgere varie funzioni.



Clicca QUI per continuare a leggere l’articolo...




Notizia 20/09/2020

SCUOLA COSMETICA / Gli ingredienti: L'ACQUA.


Approfondimento di questa serie di articoli sarà quella di spiegare in termini semplici e pratici cosa si 'cela' dietro una formula cosmetica.





Tutte quelle parole, spesso indecifrabili, riportate sotto la ormai nota voce INCI possono spesso destabilizzare e il più delle volte mettere (erroneamente) in allerta il consumatore.

Premesso che, a prescindere dalla scuola di pensiero che ha formulato un cosmetico (luxury, green, mass market, dermatologico ecc...) tutti gli ingredienti presenti nei cosmetici in commercio sono APPROVATI per dosi e tipologia dal Ministero della Salute, agli occhi di molti consumatori tante parole riportate sotto la voce INCI possono creano destabilizzazione. Internet poi, tra bufale, falsi miti e voci di corridoio non fa che peggiorare il quadro generale.

Oggi inizieremo quindi a parlare dell'ACQUA, meglio riportata con la voce AQUA (esatto nella nomenclatura cosmetica non c'è la C... quindi sfatiamo il mito che i cosmetologi avessero 4 in Italiano... :D :D ).

Perchè l'Acqua è (quasi) sempre il primo ingrediente a comparire nella lista?

Perchè la maggior parte dei prodotti skin-care (circa il 90% di quelli presenti sul mercato) è formulato su base acquosa; vale a dire che la maggior parte del loro contenuto è costituito da acqua.

Dai TONICI e dalle ACQUE MICELLARI, per definizione nella quasi totalità formulati con acqua, passando per i prodotti a risciaquo (BAGNODOCCIA SHAMPOO ECC...) fino alle stesse creme, dove la quantità di acqua è ovviamente minore ripetto ai precedenti ma pur sempre preponderante nella formulazione, la ben nota molecola di H2O risulta sempre in cima alla lista.

Esiste comunque un 10% circa di casi dove l'acqua non compare come primo ingrediente: si tratta delle creme grasse, le cosiddette emulsioni A/O (Acqua in Olio) dove il solvente e quindi la fase maggioritaria della formulazione non è rappresentata dall'acqua, bensì da un grasso (spesso paraffina.)

Queste formulazioni, per quanto molto efficaci, risultano oggi demodè. La loro texture risulta infatti molto untuosa e occludendo i pori sebacei possono risultare comedogeniche (cioè essere responsabili della formazione di acne).

L'acqua di per sè è l'idratante per definizione, così forte nel ruolo che le compete che, quando è in sovrabbondanza porta addirittura alla macerazione (l'esempio classico è quando si sta parecchio 'a mollo' in piscina e si esce con i polpastrelli raggrinziti da macerazione...); ma è anche il veicolo grazie al quale veicolare alla pelle tutte le sostanze nobili e nutrienti che vogliamo aggiungere in un cosmetico.

Molti ingredienti funzionali, che vengono utilizzati nelle creme, hanno però natura lipofila (vale a dire grassa).
Il grasso di per sè non è miscibile con l'acqua e per tale motivo per formulare le creme si ricorre all'utilizzo dei cosiddetti EMULSIONANTI che permettono ad acqua e grasso di coesistere in un'unica formulazione. (ne parleremo in seguito.)

L'acqua dunque, per l'ennesima volta si conferma come la protagonista della vita, anche nei cosmetici ;)

Al prossimo appuntamento!
:)

Dr. Luigi




Notizia 13/07/2020

Fragranze Ambientali


Ogni stagione ha il suo profumo, caleidoscopico insieme di nuances pronte a stimolare i ricordi olfattivi. Nei Laboratori Sabatel siamo sempre stati affascinati dai profumi (e dagli odori...) della natura; questo ci ha portato a realizzare fragranze ambientali legate sempre da un filo conduttore alla madre terra.





Abbiamo trovato a Grasse, in Provenza, alcuni tra i migliori nasi profumieri, alleati indispensabili per portare una sensazione odorosa dentro una bottiglia di vetro.


Clicca QUI per continuare a leggere l’articolo...




<< < 1 23 4 5 6 7 8 9 10 > >>

Torna SU